#FarmaciSalvaVita – Mozione del MoVimento 5 Stelle Scandicci

salvavita

 

Consiglio Comunale del 21 Gennaio 2015

Sig. Sindaco, Presidente, Signori Assessori, Consiglieri, concittadini.
La vicenda dei farmaci salvavita è nota e descritta sufficientemente nella mozione che abbino presentato e che recepisce alcuni suggerimenti presentati dalla maggioranza. Ci permettiamo una breve sintesi per i non addetti ai lavori e per i cittadini spettatori del Consiglio.
Il Ministero della salute di Concerto con il ministero della Pubblica istruzione non hanno su questa materia emanato una norma giuridica vincolante, ma hanno dettato delle linee guida, delle raccomandazioni, per le quali le Regioni hanno adottato un protocollo non obbligatorio teso a favorire un accordo fra operatori scolastici, genitori , sanitari e pubbliche amministrazioni affinché venga trovata una soluzione efficiente ed economica per la somministrazione di farmaci. 
La soluzione trovata è quella di individuare operatori scolastici volontari (insegnanti e personale ATA) che aderendo volontariamente al protocollo, si rendevano disponibili a somministrare il farmaco. Questa soluzione è praticabile in quanto la somministrazione dei farmaci salvavita non presuppone nessuna particolare competenza scientifico/tecnica. A supporto comunque dei volontari, sono previsti dei corsi di formazione sulla somministrazione. E’ pacifico che nessuna responsabilità può essere loro addebitata perché agiscono dietro autorizzazione dei genitori e sulla base di una prescrizione medica che è la sola fonte di responsabilità. 
Fatta questa premessa, nel concreto, tutte le scuole di Scandicci hanno avuto personale che, spontaneamente, ha aderito al protocollo, all’infuori dell’Istituto Enrico Fermi. In detta scuola cinque bambini necessitano della somministrazione dei farmaci e nessun operatore scolastico ha aderito al protocollo. Non mettiamo in discussione la legittimità della loro non adesione, volontaria per legge e nella libera discrezionalità del soggetto. Tuttavia dall’inizio dell’anno scolastico questi cinque bambini sono andati a scuola ogni giorno senza la presenza di un soggetto preposto alla somministrazione del farmaco salvavita in caso di crisi. 
Prendiamo atto della buona volontà della pubblica amministrazione nella persona del Sindaco, che ha portato al tavolo amministrazione comunale, insegnanti e genitori, e della lettera scritta al Presidente della Regione Enrico Rossi, ma questo non basta a risolvere il problema. Di fatto, anche oggi, cinque bambini sono andati a a scuola senza nessuna tutela e ci andranno domani e nei giorni a seguire. E questo non possiamo tollerarlo, in quanto il pericolo incombe tutti i santi giorni. 
Riteniamo che in concreto l’amministrazione potrebbe risolvere il problema concertandolo con le strutture sanitarie o con le associazioni di volontariato presenti sul territorio qualora un’opera adeguata di informazione al personale scolastico non sia sufficiente. 
La soluzione che si prospetta in caso di ulteriori differimenti è quella di un ricorso al TAR, che nessuno auspica per gli elevati costi sociali che ne conseguirebbero, e per il danno d’immagine di un territorio presente in una regione che è stata fra le prime ad attuare protocolli in tal senso. 
Tuttavia i giorni passano ed una soluzione va presa nell’immediato. Veniamo pertanto al dispositivo della mozione che recita: 
SI CHIEDE 
Che il Comune di Scandicci, nella figura del Sindaco, si faccia promotore di un tavolo condiviso con le direzioni generali delle aziende sanitarie; le direzioni dei circoli didattici le associazioni direttamente interessate e le figure professionali di alto profilo con competenze in materia, per elaborare una proposta mirata ad attuare il Protocollo della Regione Toscana del 30 marzo 2009 che recepisca le Raccomandazioni interministeriali del 25 novembre 2005. 
Che il Comune di Scandicci, sempre nella figura del Sindaco, di concerto con le altre Amministrazioni, Istituzioni o Enti competenti, e se necessario in ultimo coinvolgendo il Comitato Paritetico Nazionale per le “Malattie croniche e la somministrazione dei farmaci a scuola”, si impegni nella ricerca di un’adeguata soluzione utilizzando gli strumenti espressi nei Documenti interministeriale e regionale, avendo come modello altre realtà a noi vicine che hanno già risolto positivamente la vicenda. 
Grazie
Questo il video dell’intervento

http://www.comune.scandicci.fi.it/strcons/kplayer.php?pl=1423173334&it=27

Scarica il PDF della Mozione presentata in Comune Mozione farmaci salvavita (112)