Closed City Park. Ovvero: questione di priorità

Closed City Park

Ci accusano di votare sempre contro (anche se i verbali delle votazioni in Consiglio Comunale dicono ben altro), ma come fai a votare a favore di simili ottusità?
Di cosa stiamo parlando: nell’ultimo Consiglio Comunale viene approvato il bilancio preventivo del 2015. Fra le varie delibere ci sono:

  • Scandicci Cultura: Variazione bilancio di previsione finanziario 2015-2017. Approvazione
  • Programma triennale opere pubbliche 2015/2017. Elenco annuale 2015. Approvazione

Per Scandicci Cultura si parla di una destinazione di 65.000 Euro per l’organizzazione dell’Open City Park 2015 nell’area ex-CNR da poco sgomberata dai ROM (e da pochissimo rioccupata dagli stessi).
Per il piano triennale si parla di 50.000 Euro per la bonifica dell’area e di 100.000 Euro per gli adempimenti necessari al rilascio delle certificazioni antincendio nelle scuole del territorio.

Direte: “e cosa c’è di strano? Sono tutte cose che vanno a favore dei cittadini“.
Certo! Peccato che i fondi per le loro realizzazioni provengano da capitoli di spesa differenti. Mentre per i 115.000 Euro dell’area ex-CNR si parla di impiegare risorse proprie (cioè a disposizione), per i 100.000 Euro necessari alla messa in sicurezza delle scuole si vogliono “recuperare” da alienazioni del patrimonio comunale (vendite il cui buon esito è più che aleatorio visti i tempi ed il mercato).
In sostanza si preferisce alla sicurezza dei nostri ragazzi una manifestazione il cui esito (lo testimoniano le rinunce degli ultimi giorni) lascia, quantomeno, perplessi.

Non credete a chi vi dice che i soldi non ci sono: i soldi ci sono! Ed è un dovere degli amministratori locali spenderli bene.

 

Scarica e diffondi il volantino riguardante questo post:
volantino2_colore-01